Ceretta dopo l’estate

Ceretta dopo l’estate

E se fosse un rituale?

Con l’inizio della stagione fredda la pelle richiede di essere idratata, in particolare dopo il periodo di esposizione a sole e salsedine, tipico durante l’estate, che sono spesso causa di inaridimento e ispessimento.

Forte è, inoltre, la richiesta di non eliminare l’abbronzatura, nonostante il bisogno di fare la ceretta.

La pelle, in inverno, diventa molto più secca, spessa, sensibile e più facilmente irritabile. Per colpa del freddo e dell’uso di indumenti pesanti, si diventa anche più pigre nel fare la ceretta e aumenta così il rischio di peli incarniti.

Inoltre la secchezza è la principale nemica della ceretta indolore: se la pelle non è ben idratata, gli strappi saranno più fastidiosi.

Ma ho trovato una soluzione in Epilcera. Raffaele La Montagna, ideatore del metodo Epilcera ha abbinato al momento della depilazione un rituale pre e post trattamento unico nel suo genere.

Regina di questo metodo è Esmeralda, una cera per epilazione brasiliana indolore davvero speciale: dal colore verde, scongiura rossori, follicolite e irritazioni; è a base di estratti di lime, aloe, e burro di Karité e la sua profumazione ricorda il mojito!

L’intuizione vincente è stata poi declinare questo rituale per le varie stagioni ed andare a rispondere alle diverse necessità che la pelle ha durante l’anno o in caso di particolari esigenze.  

Il rituale Epilrepair, adatto dopo l’estate

ESFOLIAZIONE MECCANICA

Un’esfoliazione meccanica, indispensabile per garantire un’epilazione efficace, realizzata con una spazzola in crine di cavallo e fibre di rame, capace di liberare la pelle da impurità e da peli incarniti e migliorare il microcircolo cutaneo.

SCRUB

Lo scrub salino a base di cera d’api e olio di Argan a cui viene abbinato un peeling enzimatico con papaina in grado di rallentare la ricrescita. 

IDRATAZIONE

L’applicazione di un latte idratante e, una volta assorbito, di un talco per asciugare la pelle

E ora, la ceretta!

La tipologia di cera viene valutata in base alle esigenze della pelle della cliente. A seconda delle caratteristiche e della sua storia, l’estetista valuta se è possibile procedere con la cera brasiliana, Esmeralda, o se è più opportuno preparare la pelle con una cera con strappo tradizionale, chiamata Hindi, ed effettuare la brasiliana in futuro.

Infatti, in caso di crescita disomogenea, per le prime sedute è opportuno optare per il rituale Hindi dove la cera viene eliminata dalla pelle non con la classica striscia in tnt ma con la mussola, una striscia in cotone e lino molto più delicata nello strappo.

La cera brasiliana Esmeralda invece viene tolta con un metodo più semplice: una volta solidificata sulla pelle, viene tirata delicatamente senza l’uso di strisce depilatorie.  

L’epilazione viene eseguita su una gamba alla volta e viene intervallata da un bendaggio caldo imbibito di acqua termale addizionata con propoli, camomilla miele e un olio essenziale, che dura una decina di minuti, ad azione idratante a base d’acqua.

Una volta applicate le bende, le gambe vengono avvolte da una copertura di cartene (un foglio in polietilene utilizzato per trattamenti estetici), così da creare un vero e proprio effetto sauna utile ad assorbire i diversi nutrienti. Il trattamento termina con un massaggio eseguito su tutto il corpo.

Anche se l’epilazione interessa solo su una zona specifica, il trattamento di esfoliazione e il massaggio vengono eseguiti su tutto il corpo, così da garantire un relax totale.

cONTATTI

Cosa ve ne pare?

Ne volete sapere di più?

Ecco i contatti di Epilcera⬇️

La Vostra Valentina