ALTERAZIONI DELL’UNGHIA parte 2

Ciao Ragazze e ciao Ragazzi,

settimana scorsa abbiamo introdotto l’argomento delle alterazioni dell’unghia (trovate qui l’articolo) e oggi proseguiamo con la parte 2.

Vediamo di seguito quali sono le principali alterazioni che possiamo riscontrare quando ci apprestiamo ad eseguire una manicure:

ATROFIA: grave danno della matrice, congenito o in seguito a traumi, determina la completa assenza di crescita dell’unghia.

DISTROFIA: fessura canaliforme dalla matrice al bordo libero

IPERTROFIA: ispessimento della lamina ungueale dovuto a traumi ripetuti, arteriosclerosi o disfunzioni endocrine.

ONICOLISI: scollamento, puo’ essere chimico, meccanico o biologico

                                                                       

CADUTA SPONTANEA: disturbi circolatori.

ONICOFAGIA: abitudine di mangiarsi le unghie

PATERECCIO: PERIONISSI BIOGENICA: GIRADITO, infiammazione del dito dovuta a stafilococchi; superficiale e’ intorno all’unghia, profondo colpisce il tessuto sottocutaneo; il dito si presenta gonfio e caldo per l’infiammazione sottostante, sono entrambe piuttosto dolorose.

E’ una malattia del perionichio: quando si taglia troppo la cute del perionichio le difese immunitarie vengono attaccate dagli stafilococchi.

Come si contrasta il GIRADITO:

-Bagno con sali ossigenati.

Il dito deve essere messo a bagno da solo in quanto l’acqua fa da veicolante.

Usare una crema a base di clorofilla che toglie l’infiammazione, il gonfiore, il bruciore.

Eseguire un bendaggio chiuso con la garza per almeno una settimana.

E’ una malattia del perionichio: quando si taglia troppo la cute del perionichio le difese immunitarie vengono attaccate dagli stafilococchi.

ALTERAZIONI DEL RILIEVO UNGUEALE

BUCHI O FOSSE: milza e reni, o microtraumi della radice

CATENELLE: impurita’ del sangue: al dito medio= intestino; anulare= reni; mignolo= organi sessuali

LINEE LONGITUDINALI: intestino pigro

NERVATURA PROFONDA LONGITUDINALE: lesione della matrice

ALTERAZIONI DELLA FORMA DELL’UNGHIA

MANDORLA: disturbi nervosi

QUADRATA: LUNGA= cuore ed addome; CORTA: ovaie

FORMA DI V: disturbi spinali, cardiaci e organici

A CUCCHIAIO: (coilonichia): e’ solita nei meccanici, falegnami, in seguito a traumi

IPPOCRATICA: (a vatro di orologio) malattie cardiache o polmonari

ARTIGLIO: predisposizione all’asma

ONICOGRIFOSI: (ipertrofia) traumi o circolazione

LA FRAGILITA’ UNGUEALE:

NORMALE= 18% d’acqua, qualunque alterazione in più o in meno la rende fragile

E’ frequente nelle casalinghe ed in alcune professioni: chimici, infermieri, fotografi, meccanici, enologhi, parrucchieri

Se il danno è alla matrice è dovuto a carenze vitaminiche.

Può anche essere causato da affezioni dermatologiche come la psoriasi che  può interessare qualunque punto della lamina ungueale con ispessimenti, sfaldamenti ed irritazione alla lunula.

Contro la fragilità ungueale è consigliabile: usare i guanti, tenere le unghie corte, applicare prodotti idratanti.

Ricordate che l’importanza dei concetti che abbiamo rivisto oggi è fondamentale perché prima di eseguire una manicure oppure una ricostruzione unghie, dobbiamo essere certe di lavorare su un terreno sano e forte, e soprattutto dobbiamo essere in grado di consigliare la cliente al meglio.

Annalisa Piccini