Onde Acustiche / Onde D’Urto

Torniamo a parlare delle onde acustiche o onde d’urto (sono la stessa cosa). 

In modo molto semplificato, possiamo dire che le onde acustiche sono impulsi sonori ad alta intensità che trasmettono energia ai tessuti i quali, come risposta, si rigenerano.

Ma entriamo più nel dettaglio e vediamo come la vostra apparecchiatura genera le onde acustiche.

In estetica professionale, le onde acustiche rientrano nella scheda tecnica n°6 del DM 206; sono utilizzabili in forma radiale e non focalizzata (queste ultime sono utilizzate in campo medico ad esempio, per disgregare i calcoli  renali). 

L’apparecchiatura contiene un generatore di aria compressa che viene spinta all’interno del manipolo che voi utilizzate per i trattamenti.

All’interno del manipolo, si trova un canale con al suo interno un “proiettile” e all’estremità del manipolo si trova un trasmettitore.

Il principio di funzionamento è: aria compressa che arriva al manipolo, ad alta velocità, incontra il proiettile che viene spinto contro il trasmettitore, diverse volte al secondo.

Quando il proiettile sbatte contro il trasmettitore, crea l’onda d’urto, l’energia.

Onda d’urto= due elementi che urtano tra loro

detta anche Onda acustica= perché si sente il suono di questo colpo che avviene tra i due elementi. 

Per farvi un esempio comprensibile: quando battiamo le mani creiamo energia con lo stesso principio.

Come si fa ad utilizzare questa energia?

Va contenuta (altrimenti si disperde) e nel trasmettitore troviamo una placca metallica che è un perfetto veicolante, trasduce/veicola l’energia sul corpo.

Il manipolo è strutturato con materiali atti a evitare di trasmettere l’energia anche all’operatrice che lo utilizza.

Come si fa ad utilizzare questa energia?

L’energia generata deve essere contenuta (altrimenti si disperderebbe…ricordate l’esempio del battere le mani?) e nel trasmettitore troviamo una placca metallica che è un perfetto veicolante che trasduce/veicola l’energia sul corpo.

Il manipolo è strutturato con materiali atti a evitare di trasmettere l’energia anche all’operatrice che lo utilizza.

Qualche concetto di base

Il grasso è contenuto nelle cellule adipose (le cellule deputate a trattenere il grasso in accesso).

In una situazione di normalità, queste cellule hanno un loro spazio dedicato all’interno del nostro corpo e hanno forma rotonda. Quando si aumenta di peso, le cellule adipose cominciano ad ingrossarsi e a perdere la loro forma originale. Ingrossandosi, accadono due cose:

La membrana cellulare di ogni cellula adiposa, riesce a contenere una quantità di grasso (che è ancora fluido) dopo di chè, il grasso solidifica.

Ingrossandosi, le cellule adipose vanno a comprimere le cellule circostanti e i capillari, una fitta rete che serve a distribuire il nutrimento alle cellule.

Cosa deve fare l’estetista? Normalizzare i processi metabolici attraverso la circolazione sanguigna e linfatica.

L’onda acustica fa esattamente questo, richiama sangue nella zona trattata che porta con sè ossigeno e nutrimento, e porta via le scorie. Oltre a fare questo, eseguendo i trattamenti con costanza, si riesce ad ammorbidire il grasso contenuto nelle cellule adipose che, tornando fluido, riesce ad essere reso di nuovo disponibile per l’organismo, fuoriuscendo. Così, tornano alla forma iniziale, lasciano spazio alle cellule circostanti e tutto torna alla normalità.

Può succedere che dopo questo trattamento  compaiano dei lividi: è normale e ci da segno che si sta lavorando nel punto giusto e che necessitava. Solitamente compaiono quando c’è una grande presenza di acqua (ritenzione idrica importante), quando la pelle è lassa e perché la cliente ha una pelle molto molto fragile, chiara ma potrebbe anche accadere quando viene impostata un’intensità di trattamento alta magari per lavorare su un setto fibroso resistente

inestetismi trattabili con le onde acustiche

Sul Corpo

• Tutti gli inestetismi legati alla cellulite
• Le adiposità localizzate
•Tutte le irregolarità cutanee dovute alla presenza di grasso in eccesso.

E si può:
• Ottenere un’azione levigante e ricompattante
• Rimodellare il corpo
• Rassodare e tonificare il tessuto cutaneo e connettivo
• Favorire il drenaggio linfatico eliminando i liquidi in eccesso
• Agire potenziando il tono del tessuto connettivo e muscolare per armonizzare ed esaltare la bellezza del corpo

Sul Viso

Le onde austiche AWT possono essere utlizzate anche per un effetto rigenerativo e antiage sul viso.

Si possono trattare:
Rughe
• Borse e occhiaie
• Cedimento cutaneo

Le onde acustiche possono essere utilizzate anche su chi ha fatto trattamenti di medicina estetica: fili di sospensione, botulino, filler o biostimolazione. Ovviamente non di recente applicazione e lavorando in modo più superficiale (sull’epidermide).

E pertanto ottenere: 
•Rassodamento
•Modellamento dell’ovale
•Effetto tensore (lifting)
•Tonificazione
•Miglioramento della texture e della qualità della pelle