Requisiti igienico sanitari per aprire un centro estetico: ecco l’elenco!

Requisiti igienico sanitari per aprire un centro estetico: ecco l’elenco!

Requisiti igienico sanitari necessari per aprire un centro estetico

Ecco l'elenco

Ciao Ragazze, ormai sono entrata anche nel quotidiano delle aule delle scuole di estetica e una domanda che mi stanno rivolgendo tante studentesse è: “quali sono i requisiti igienico sanitari per poter aprire un nostro centro estetico?”

Vi riporto qui un elenco delle principali caratteristiche.

REQUISITI STRUTTURALI GENERALI

Altezze

Le altezze ( si considera l’altezza media ponderale) dei locali devono essere conformi a quanto previsto dall’art. 3.4.7 del Regolamento di Igiene Tipo ovvero:

  • minimo 270 cm per i locali con presenza continuativa di persone,
  • almeno 240 cm per servizi igienici e spogliatoi, .
  • minimo 210 cm per spazi di disimpegno, corridoi, ecc..
  • in caso di locali seminterrati e/o interrati, è necessaria l’acquisizione della deroga art. 65 D.L. 81 (ex art. 8 D.P.R. n° 303/56), da richiedere presso la ASL, al Servizio UOPSAL territorialmente competente. Se non avete dipendenti e/o soci,  non deve richiedere tale deroga.

areazione

Se i vani non dispongono di aerazione naturale diretta regolamentare (deve essere garantita da serramenti apribili ai sensi dell’art. 3.4.21 del Regolamento di Igiene Tipo, che abbiano superficie pari ad almeno 1/10 della superficie di pavimento del locale interessato.), è richiesto un impianto di trattamento dell’aria.

Esso deve avere sia la dichiarazione di conformità e sia la relazione tecnica, quest’ultima conforme a quanto previsto dagli artt. 3.4.47 e 3.4.48 del Regolamento di Igiene Tipo.

Superficie

La superficie per il primo posto di lavoro deve essere di almeno mq 15.00 ed aumentata di mq 5.00 per ogni ulteriore postazione. 

Un locale (spazio delimitato da pareti a tutta altezza) non può avere superficie inferiore a mq 9.00 ai sensi dell’art. 3.4.5 del Regolamento di Igiene Tipo, ai sensi dell’art. 3.12.9 del Regolamento di Igiene Tipo

Pavimenti e pareti

pavimenti dell’esercizio devono essere a superficie unita e lavabile, ai sensi dell’art. 3.12.9 del Regolamento di Igiene Tipo.

Le pareti dell’esercizio devono essere rivestite di materiale liscio e lavabile sino a 2,00 mt., ai sensi dell’art. 3.12.9 del Regolamento di Igiene Tipo.

Servizio igienico

Il servizio igienico, regolarmente aerato ai sensi dell’art. 3.4.22 del Regolamento di Igiene Tipo, deve essere accessibile dall’interno dell’esercizio e ad uso esclusivo dell’attività ai sensi dell’art. 3.12.10 del Regolamento di Igiene Tipo. Inoltre deve essere dotato di:

  • regolare antibagno;
  • lavello a comando non manuali;
  • porta dell’antibagno del tipo a tenuta;
  • pavimento con superficie di materiale impermeabile liscio lavabile e ben connesso;
  • pareti rivestite sino a 2,00 mt. di materiale impermeabile e facilmente lavabile;

In caso di subingresso, dovete chiedere la dichiarazione dell’Amministratore del Condominio di uso esclusivo del servizio igienico esterno.

Gli spazi ad uso cabina per il trattamento estetico possono essere delimitati da pareti non a tutta altezza; è consigliabile un’altezza non superiore ai 2/3 di quella del locale e comunque conforme al diritto di privacy dell’utente.

Le cabine di estetica devono essere dotate di regolare lavamani ai sensi dell’art. 3.12.9 del Regolamento d’Igiene Tipo.

DOTAZIONE MINIMA PREVISTA DALL’ART. 3.12.9 DEL REGOLAMENTO D’IGIENE TIPO

La struttura deve disporre di idonei arredamenti, di facile pulizia, atti all’esercizio ed alla conservazione di strumentazione ed attrezzatura.

Deve essere presente almeno uno spazio e/o armadio per il materiale pulito.

Devono essere presenti appositi recipienti chiusi e distinti per la biancheria usata e rifiuti. Per i rifiuti chiedete al vostro comune per la dotazione dei bidoncini per la differenziata.

DICHIARAZIONI IMPIANTI E ATTREZZATURE

È richiesta la dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico ai sensi del D.M. 37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti.

È richiesta la dichiarazione di conformità dell’impianto e/o apparecchio alimentato a gas ai sensi del D.M.37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti.

Sono richieste le schede tecniche attestanti le certificazioni del rispetto norme UNI-CEI apparecchiature elettromeccaniche ad uso estetico.

DISINFEZIONE / STERILIZZAZIONE DEGLI ARNESI DA LAVORO

Le attività di parrucchiere ed estetica devono avere in loco attrezzatura necessaria per la disinfezione degli arnesi non monouso quali spazzole, pettini, supporti per taglienti, ecc. così come previsto dell’art. 3.12.9 del Regolamento di Igiene Tipo.

Dovete predisporre idonea procedura di disinfezione e sterilizzazione e dotare l’esercizio di apparecchiatura per la sterilizzazione di tali strumenti.

Per un inquadramento generale della materia ricordatevi che la nostra legislatura di settore, nazionale, di riferimento è:

Vi ricordo di chiedere conferma presso il vostro comune o alla vostra asl di competenza perchè ci possono essere direttive regionali e comunali differenti o aggiuntive rispetto a quanto vi ho riportato qui.

Non vuoi perderti le prossime novità di settore?

Seguici su tutti i nostri canali!!⬇️

Valentina

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo!!
Valentina Benedetto

Valentina Benedetto

Valentina è l’ideatrice del concetto di Estetispa, nonché la figura principale con la quale si interfacciano le estetiste. Nasce come Spa Manager e dopo anni di attività dove aiuta le estetiste dei suoi team, decide di volerne aiutare di più così realizza Estetispa per fornire strumenti ed informazioni che secondo lei sono utili alle estetiste per potersi affermare professionalmente.
  1. Rosa| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

    Vorrei sapere per quanto riguarda la fogna può essere condominiale o privata? Grazie

  2. fabio gizzi| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

    Grazie moto interessante ma vorrei approfittare per avere una delucidazione la doccia è obbligatoria? e se si, per quali trattamenti. Cordiali saluti Fabio GIZZI

    • Valentina Benedetto| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

      Come indicato, ogni ASL può aggiungere divieti o regole pertanto la invito a chiedere alla propria ASL (per competenza territoriale).
      Di norma, viene inserita nelle cabine dove si eseguono trattamenti corpo che prevedono l’uso, ad esempio, di fanghi o scrub che devono poi essere risciacquati.

  3. barbara paolicchi| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

    buongiorno, vorrei sapere se il bagno per portatori di handicap è obbligatorio

    • Valentina Benedetto| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

      Chieda all’Asl di competenza della sua città ma, a meno che non ci sia stata qualche variazione, si!

  4. Ramona| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

    Ciao Vivo a L’Aquila in Abruzzo ed ho un piccolo locale adiacente a casa mia classificato c2 , h max 240cm , bagno senza antibagno ma a quello si può rimediare, mi chiedevo se fosse possibile trasformarlo in un centro ricostruzione unghie. Grazie in anticipo per la risposta

    • Valentina Benedetto| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

      Buongiorno Ramona, la cosa miglire è rivolgersi ad un geometra della tua zona per far valutare gli ambienti (spazi, altezze ect)
      Valentina

  5. Lidia| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

    In Lombardia cabina estetista 4mq (non 5)
    Cabina dermopigmentista 9mq

  6. Roberta Recanatesi Eolie'RR| 10 Ottobre 2022 |Rispondi

    Sei insostituibile

Lascia il tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Articoli recenti